La polemica di Barnard dopo il SUMMIT 1 dicembre 2012 in Calabria

da facebook:
http://www.facebook.com/groups/mmtforumepic/permalink/442245592491946/?comment_id=442320232484482&ref=notif&notif_t=like

articolo del 4 dic 2012:
http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=513
cit:
DEFINITIVO: LA ME-MMT CHIUDE PER MOTIVI UMANITARI(*1)

Paolo Barnard e Warren Mosler, interpellati Alain Parguez e Mathew Forstater, hanno deciso di cessare da oggi qualsiasi attività della Mosler Economics Modern Money Theory in Italia.

La tragedia di Alberto Bagnai, uomo la cui vita è stata distrutta dalla nostra presenza, non ci può lasciare indifferenti.

Nel rispetto dei principi di compassione e umanità, Paolo Barnard e Warren Mosler lasciano il campo, e proclamano che “Sì Alberto! E’ il saldo delle partite correnti!”.

Firmato

Paolo Barnard

Warren Mosler

articolo del 5 dic 2012:
http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=514
cit:

ORA, CHE QUESTO SIA CHIARO A TUTTI.

 

Esiste un limite per me, per Warren Mosler, per Alain Parguez, per Mathew Forstater. E, credo di poter dire, per i miei collaboratori diME-MMT.

E’ ora stato varcato. In Italia il mio lavoro e quello delle persone sopraccitate è da troppo tempo lambito dal guano della rete, da un popolo di esseri avvelenati, improvvisati, teppisti verbali, personaggi consumati dall’invidia, e soprattutto ignari di cosa sia la vita, il suo dramma, per cui dediti a sprecare la loro inutile esistenza nel creare miseria attorno a loro.

Abbiamo – noi che doniamo tutto noi stessi a una serietà di lavoro maniacale al servizio del Paese – dovuto passare mesi e mesi a lavarci le vesti dagli schizzi del guano delle Shirin Chehayed e soci, degli Alberto Bagnai e soci, dei Francesco Toscano e socio Magaldi, e ahimè di molti altri. Abbiamo dovuto distogliere quantità inaccettabili di energia perché ossessivamente richiamati dai lettori sulle flatulenze emessa da gente del genere e dai loro supporter. I quali oggi, a causa di quella sciagura che si chiama internet dei social networks, riescono a raggiungere anche i nostri collaboratori all’estero, e di nuovo ci tocca di intervenire a smacchiare dal guano anche le loro vesti. Basta.

Ora basta.

Il sistema della giustizia italiana, che conosco purtroppo sulla mia pelle, fatto in gran parte di giudici che sarebbero da ricoprire quotidianamente di sputi, fatto da avvocati che ti rubano un patrimonio per anni prima di mettersi poi d’accordo con la controparte, ci ha impedito di portare in giudizio quei figuri. Semplicemente non ne abbiamo i mezzi economici.

Devo dire che il peggio, e di gran lunga il peggiore fra quei miserabili è Alberto Bagnai, una vergogna vivente per l’accademia italiana, che solo per la violenza coprolalica che riversa sui lettori che osano menzionarmi andrebbe cacciato dall’università, se la sua università avesse un rettore degno di questo nome (gli scrissi su questo, mai rispose). Egli ha riversato una serie di giudizi e di epiteti sui suoi colleghi stranieri della ME-MMT da impedire alla mente umana di credere che costui sieda su una cattedra e non in una galera. Mi ha dileggiato con un fiele che puzza attraverso l’Adsl del pc. Il fatto stesso che questo individuo – di cui ignoravo l’esistenza e che mi ha cavalcato insultandomi dal nulla solo per arrivare alla notorietà – sia oggi una star del programma Ultima Parola di Gianluigi Paragone, veicolato dalla svergognata sponsorizzazione di quel Claudio Messora e di altri redattori come la Cazzaniga, mi ha indotto a recidere all’istante la mia presenza in quel programma. Io non posso permettere a Paolo Barnard, a Warren Mosler, ad Alain Parguez, a Mathew Forstater, e soprattutto alle migliaia di italiani che ci hanno sostenuti in imprese uniche in Europa, cioè a quel tesoro internazionale che è la ME-MMT, di essere risucchiati nello stesso contenitore di quell’incommentabile individuo e dei suoi fans in RAI. Ho quindi salutato Paragone, ringraziandolo per avermi ospitato, e ho cancellato tutte le mie prossime partecipazioni.

Per lo stesso motivo, cioè la tutela dell’immensa dedizione alla giustizia e alla serietà che è propria del mio lavoro (e oggi della nostra ME-MMT), io, vi ricordo, ho chiuso la porta in faccia a Casaleggio-Grillo quando mi vollero sul loro blog, a Radio 24, all’editore di Chiarelettere, ai vertici coi direttori RAI, a Milena Gabanelli di Report, a fior fiore di offerte politiche, e a molti altri.

Ora chiedo solo una cosa. Che il guano della rete, e soprattutto gli inqualificabili di cui sopra, si dimentichino di noi. Do ordine tassativo, se lo vorranno osservare, ai miei collaboratori di ignorare qualsiasi messaggio proveniente dal guano e dagli internettiani che vi sguazzano. Chi fra i miei collaboratori non condivide è libero di prendere un’altra strada.

Auspico, con poche speranza, di incrociare sulla nostra strada intellettuali ed economisti degni di questo nome e della drammatica serietà di ciò che abbiamo da fare, pur anche in totale dissenso con noi.

La ME-MMT potrà sopravvivere, e soprattutto aiutare milioni di persone in situazioni di disperato bisogno, solo se vivrà a un piano più alto, a cui noi e voi che ci avete sostenuti apparteniamo.

Paolo Barnard

Commento
e nota (*1)
La MMT non è solo Paolo Barnard.
Molte associazioni ed attivisti si sono mobilitati e si stanno mobilitando per spiegare le varie teorie monetarie e anche la scuola di Keynes.
Speriamo che Barnard capisca che non può considerare l’argomento una sua esclusiva, perché farebbe un lavoro elitario e sconnesso dalla realtà storica.
Il suo contributo -di Barnard- finora è stato di grande rilievo pur avendo ciascuno i suoi tempi e i suoi modi, che tutti vanno rispettati. Ma l’obiettivo di conoscere i fatti per poggiare la società sulla consapevolezza dei reali problemi è ancora un lavoro da fare e quindi grazie a tutti coloro che hanno già fatto molto e a coloro che vorranno spiegare i dati di fatto, come prevede la scienza: partire dalla misura del reale.

Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...