La perfezione della attuale organizzazione sociale [indagine sul “perché le cose non cambiano?”]

From: L <cibernetics_2002@yahoo.it>
Newsgroups: it.cultura.filosofia,it.politica,it.economia
Subject: Re: domanda [sul nuovo feudalesimo]
Date: Sat, 10 Nov 2012 12:01:24 +0100

Il 09/11/2012 11:43, mircips ha scritto:
> Ai tempi dell’illusione della rivoluzione armata, ammesso e non concesso (
> senza un nucleo di ferro nelle forze dell’ordine e armate non rivoluzioni
> niente) avesse avuto successo, per controbattere la formidabile reazione,
> si sarebbero dovuti utilizzare metodi identici a quelli russi stalinisti,
> cioè una dittatura del proletariato fatta di gulag processi sommari, spie
> urbane ecc..
> Con il successo,invece, di una rivoluzione pacifica, democratica ed
> elettorale, cosa vi si opporrebbe, cioè quali aspetti può difendere
> immutati  la società familista, parentale, clan-istica della massa
> italiota?

Io penso che da una prospettiva millenaria vedremmo che noi non siamo in un epoca di democrazia, ma di feudalesimo.

Tutti i regimi da quello cinese, a quello USA, alle supposte democrazie europee in realtà sono regimi blindati dove i parlamentari fingono una indipendenza che non hanno.

Indipendenza da che?

Dal fatto che non spiegano quali interessi stanno tutelando se (sia che vincano i repubblicani o i democratici in USA) la Libia è invasa e destabilizzata, come Irak, e ora la Syria, in una progressiva impostazione di modalità imperiali.

Forse che in USA c’è stata garantita la sanità a tutti?

Forse che in Europa c’è il diritto allo studio e la tutela degli ultimi con un minimo di assegno di sussistenza anziché ridurre le persone a dormire per terra senza che ci sia qualcuno interessato a capire o assistere?

Il paradigma implementato è altro.

I centri di studi strategici sono arrivati alla conclusione che il pianeta è troppo piccolo per consentire una crescita che -nonostante le dichiarazioni demagogiche- è vietata.

Serve -secondo i centri di studi strategici- una COMPETIZIONE che salvi i forti e butti da una rupe i deboli o i choosy.

Quindi una implementazione propriamente imperiale di tipo feudale in cui vi sono al vertice gli innominabili potentemente schermati dai tecnici che agiscono come killers che eseguono ciò che non parte da coloro che dovrebbero rispondere delle loro responsabilità politiche al popolo democraticamente, cercando un consenso su un programma da votare o da respingere.

All’ultimo gradino -in basso- della piramide vi sono coloro che non hanno agganci con la piramide se non subire le vessazioni di una legge dei più uguali di Orwell.

Ma la perfezione di questa costruzione sociale risiede in un fatto poco noto: il potere di questo mondo ha colonizzato sia la maggioranza e sia l’opposizione, non c’è un ambito di potere umano che non sia stato corrotto o non si tenti di corrompere in una alternativa drastica: o ti pieghi al vertice della piramide o sei un uomo morto.

L’alternativa è anche per il demonizzato Berlusconi che ha _dovuto_ fare un passo indietro ucciso non fisicamente ma attraverso la minaccia di essere ucciso economicamente a livello personale, perché lo spread non avrebbe avuto efficacia per costringerlo alle dimissioni.

Io sono un antiberlusconiano, ma è innegabile che i “poteri forti” dovevano avere campo libero per distruggere il sud Europa e dovevano attaccare i diritti sindacali sul lavoro, le pensioni, lo stato sociale, per ridurre demograficamente la popolazione -dicunt- da 7 miliardi a circa un miliardo di persone, cifra considerata più gestibile per le attuali risorse di acqua e cibo sbilanciata verso i più uguali.

Quindi chi non è cognito di ciò è incompetente ed esiste perché è abituato ad obbedire, ma non svolge una funzione politica in grado di discutere le norme su cui normare una polis o una collettività.

Un ultima nota alla tua splendida domanda:

Costoro sono nella dinamica detta de “L’APPRENDISTA STREGONE”.

Hanno innescato forze di distruzione che non riusciranno a gestire e che io non auspico.

Anzi se avrà una possibilità di vita il pianeta sarà a causa di coloro che mostreranno che sapere amare è gioia maggiore del possedere il denaro.

Saluti felicità

Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...