Russia: I ribelli in Siria hanno armi made in USA

http://www.bbc.co.uk/news/world-middle-east-20055271

traduzione:

Russia: I ribelli in Siria hanno armi made in USA

Un anziano generale russo ha detto che i ribelli siriani hanno ora armi antiaeree, tra cui Stingers. made in USA.

Gen Nikolai Makarov è stato citato dal servizio Interfax news come dicendo che l’origine dei missili terra-aria dovrebbe essere “riordinato”.

La Russia è il più grande fornitore di armi al suo alleato governo siriano.

Il bombardamento aereo delle città ribelli è continuato mercoledì, nonostante gli sforzi di cessate il fuoco dell’ inviato dell’ONU in Siria del Consiglio di sicurezza.

Lakhdar Brahimi ha cercato di organizzare un cessate il fuoco tra ribelli e forze governative in corrispondenza della festa musulmana di Eid al-Adha, che inizia il venerdì.

Rifornimenti di armi

“Abbiamo informazioni attendibili che i  militanti siriani (anti-governativi) hanno sistemi missilistici antiaerei provenienti dall’estero, compresi quelli realizzati negli Stati Uniti… dovrebbe essere chiarito *chi* gli ha consegnato ciò,” ha dichiarato il Generale Makarov ai giornalisti in Russia.

Ci sono stati recenti report dell’opposizione siriana non confermati che avrebbe missili da spalla, ma l’Occidente è stata riluttante a apertamente armare i ribelli.

Nel mese di agosto, ribelli siriani hanno detto che avevano abbattuto un jet da combattimento vicino al confine con l’Iraq.

Aerei militari siriani hanno intensificato i bombardamenti delle aree dominate dai ribelli negli ultimi mesi, specialmente nel nord del paese. Mortali Incursioni aree ora sono eventi quotidiani in città intorno la città di Aleppo.

Filmati recenti sono emersi dei combattenti dell’opposizione siriana che utilizzano vecchi SA-7 missili sovietici a ricerca di calore, che possono distruggere un aereo in volo fino a 14.000 ft.

Made in USA missili Stinger sono da spalla armi antiaeree progettati per elicotteri e aerei a bassa quota.

Una decisione di U.S. a fornirlo ai mujaheddin in Afghanistan negli anni ottanta per la lotta contro i russi ha dimostrato di essere un punto di svolta nella guerra.

L’ONU dice che più di 18.000 persone morte finora nella rivolta contro il governo di Bashar al-Assad, che ha cominciato nel marzo del 2011, ma gli attivisti e i gruppi di opposizione configurano una situazione più vicina a 30.000

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...