Il meccanismo della emissione monetaria? [come nacque il piano Marshall] [dottore in economia e professor Enrico Furia e Ing. Fabio Sipolino]

il mistero della moneta

il mistero della moneta

Un video molto importante perché spiega Keynes in modo molto chiaro ed esplicito.

Poiché la linea in qualche punto non è chiara, aggiungiamo il testo dell’intervento e ci complimentiamo con il professor in economia Enrico Furia intervistato dall’Ing. fabio Sippliono di Political Polis:

Domanda:

Il meccanismo della emissione monetaria?

Risposta:

Allora, io ritengo che la finanza e con essa la moneta sia uno strumento per creare “nuova ricchezza reale”.

Perché se non si crea nuova ricchezza reale, si va consumare quella già esistente, e se tutti consumano quella già esistente prima o poi questa si esaurisce (*1).. come una mucca che dopo averla munta di latte non ne ha più .. l’importante è che la mucca sia ancora in grado poi di produrre altro latte. Quindi l’idea che viene ipotizzata da Keynes a Bretton Woods è quella di dire: “Signori le uniche due economie che non sono distrutte sono USA e URSS. Il mondo ha bisogno di nuova moneta per creare “nuova ricchezza reale”. Per ricostruirsi. Gli Americani che si ritrovano i soli ad avere la parità con l’oro (*2) prendono la palla al balzo e inventano il piano Marshall. Il più grande piano truffaldino che sia mai stato messo in essere. Però il piano alla fine funziona! Infatti gli Americani -a quel tempo non esisteva ancora l’elettronica(*3)– devono stampare dollari per metterli in circolazione, ed è quello che loro fanno .. stampano una marea di dollari e li mettono in circolazione. La gente crede che questi dollari siano pareggiati dall’oro (*4) e li accettano come “oro colato” (dotati di valore convertibile in oro).. e lavorano come cani per produrre “nuova ricchezza reale” e la nuova ricchezza reale viene prodotta! .. lo scopo viene raggiunto! .. anche se viene raggiunto con una truffa. Però questa diventa una medicina omeopatica che ha funzionato benissimo. Si vede che c’era il “trucco” quando il presidente De Gaulle nel ’69 (teniamo presente che gli Americani nel 68 (*8) erano già andati sulla Luna quindi avevano un potere molto più grande di qualsiasi paese al mondo) .. si presenta con i dollari e dice “ecco i vostri dollari ridatemi in cambio l’oro”  .. quelli svengono perché NON avevano quell’oro! .. era stata tutta una truffa .. tutto un inganno .. basato su “ecco i soldi voi lavorate!” .. l’importante non è che il denaro abbia una parità (di conversione con l’oro) o un valore (intrinseco) .. l’importante (per la teoria keynesiana e circuitista) è che il denaro venga messo in circolazione. Perché così e solo così (*5) produce nuova ricchezza reale.. quella che è importante .. non è importante la ricchezza finanziaria .. non è importante che lo strumento di banca (la moneta) perché ce lo ha scritto sopra che vale 10 euro vale veramente tale cifra. L’importante è che venga accettato (come titolo di pagamento). Ora noi ci troviamo in un momento in cui bisogna rivedere come viene emessa moneta(*6).

Chi emette moneta?

Perché emette moneta?

Quindi ritorniamo a quello che dice Keynes .. emettiamo moneta in base alla qualità dell’investimento che usa quella moneta per produrre nuova ricchezza reale!

Il mondo è piano di attività da fare!

Il MONDO POTREBBE DARE PIENA OCCUPAZIONE A TUTTI i disoccupati del mondo .. l’Asia va sviluppata .. non può essere lasciata così in mezzo a centinaia di guerre .. l’America Latina deve essere sviluppata .. c’è bisogno di liquidità per fare questo! .. NON DI CHIACCHIARRE .. è inutile “stringere i cordoni della borsa”! .. è una emerita idiozia (chiudere i cordoni della borsa) .. bisogna mettere in circolazione “liquidità” .. perché la gente possa lavorare e possa produrre “nuova ricchezza reale” ..

Quindi se le monete alternative hanno il problema di dire “sì, ma in base a che cosa emettiamo queste  monete?” ..

L’unica risposta è quella che da Keynes .. 70 anni fa «la moneta viene data a chi è capace di produrre “nuova ricchezza reale” e non a quelli che vanno a consumare la ricchezza già esistente»(*7).

Questo secondo me deve avere la nuova emissione di moneta. Da tenere presente che l moneta -come biglietto di banca- non viene più emessa prevalentemente, mentre è prevalentemente tutta una questione di contabilità elettronica. Io devo a te tot e tu devi a me tot. Quindi è tutta una questione di conti correnti anche tra due aziende. Stop al minuto 6:30.

note:

(*1) n.d.r
In effetti è solo lo stato che emette moneta a potere dare moneta in cambio di beni o di lavoro se creasse della moneta a credito, ossia accreditandosela direttamente.
In tutti gli altri casi, la moneta è “un titolo di pagamento di una transazione”: potrebbe anche essere sostituita da un contratto che dica che per un lavoro devo avere una percentuale del pomodoro che ho coltivato, quindi beni fisici (pomodoro) in cambio di lavoro.
In matematica il caso del soggetto statale si dice caso “singolare” perché nessun altro soggetto può emettere moneta in quanto la emetterebbe per una sola parte anziché per tutta la collettività.
Inoltre sebbene lo stato possa ottenere bene e/o servizi in cambio della moneta data a credito, (che è una delle ipotesi di fiat money, dove l’alternativa è la moneta a debito, ovvero farsela prestare con i titoli pubblici), l’aumento della massa monetaria crea al momento della emissione una svalutazione pari alla quantità di moneta ex novo introdotta.
C’è da rilevare però che se indichiamo con v, il valore della moneta nella sua massa complessiva, tale valore non è costante nel tempo sia che sia emessa nuova moneta oppure no. Avremo quindi che v=v(t) ossia v è funzione del tempo.
Da cosa dipenderà la variazione del valore? dal fatto che la moneta ex novo sia usata come forma di finanzamento per investimenti. Se sarà usata in investimenti _produttivi_ la massa complessiva monetaria non solo non diminuirà, con t maggiore di t0 (t > t0, si scrive in matematica), ma anzi aumenterà, esattamente come nel caso che io presti del denaro a chi estrae petrolio e questo me lo restituisca non solo per la cifra prestata ma anzi con diritti sull’estrazione, avendo trovato il petrolio.

(*2) n.d.r
Gli accordi di bretton woods
http://it.wikipedia.org/wiki/Conferenza_di_Bretton_Woods
cit
La conferenza di Bretton Woods si tenne dal 1º al 22 luglio 1944 nell’omonima località nei pressi di Carroll (New Hampshire), per stabilire le regole delle relazioni commerciali e finanziarie tra i principali paesi industrializzati del mondo.
In pratica il sistema progettato a Bretton Woods era un gold exchange standard, basato su rapporti di cambio fissi tra le valute, tutte agganciate al dollaro, il quale a sua volta era agganciato all’oro.
[…] Tutti gli accordi derivati direttamente o indirettamente da Bretton Woods non prevedevano un corretto controllo della quantità di dollari emessi, permettendo così agli USA l’emissione incontrollata di moneta, fatto contestato più volte da Francia e Germania in quanto gli USA esportavano la loro inflazione, impoverendo così il resto del mondo.
[…]  il 15 agosto 1971, a Camp David, il presidente statunitense Richard Nixon, ad annunciare la sospensione della convertibilità del dollaro in oro.
[…] Nel dicembre del 1971 il Gruppo dei Dieci firmò l’accordo Smithsonian Agreement, che mise fine agli accordi di Bretton Woods, svalutando il dollaro e dando inizio alla fluttuazione dei cambi. Nel febbraio del 1973 ogni legame tra dollaro e monete estere venne definitivamente reciso e lo standard aureo fu quindi sostituito da un non sistema di cambi flessibili

(*3)
In effetti l’elettronica fa la sua comparsa con le prime valvole negli anni della seconda guerra mondiale che termina nel 45
cit:
http://it.wikipedia.org/wiki/Valvola_termoionica
Durante la seconda guerra mondiale furono realizzati tubi termoionici per applicazioni militari, miniaturizzati e contenuti in involucri di metallo, più robusti e che potevano sostenere urti notevoli. Radio rice-trasmettitori e strumentazione elettronica utilizzanti questo tipo di tubi termoionici ma dal progetto più moderno, furono impiegati dagli U.S.A anche nella guerra del Vietnam, si chiamava Nuvistor, e fu l’ultima versione del tubo termoionico prima della definitiva obsolescenza
ndr: e con le prime valvole si realizzarono i primi computer proprio in quegli anni. Sebbene ancora il sistema bancario non utilizzasse diffusamente le memorie elettroniche come oggi.

(*4)
[ndr: ossia convertibili in oro, cosa che gli USA aboliranno di lì a breve (ufficialmente nel 1971 come si legge nella nota 2) ]

(*5)
In effetti la quantità di contratti di tipo “banconote” o “note di banca” non sono l’unico modo di scambio e annotazione di valore. Ad esempio con i bit coin si ha diritto a un certo numero di bit coin in cambio di lavoro. A chi va quel lavoro? Alla cosa comune. Chi prende i bit coin? Chi ha lavorato. Vi è quindi una modalità “sorgente” in cui la prima volta il denaro (o anche i bit coin) sono “creati” verso la ricchezza collettiva. I passaggi successivi possono essere semplici transazioni.

(*6)
I centri di studi strategici e la teoria dei controlli mostra però che il pianeta in espansione illimitata può collassare. Quindi va introdotto un sistema di controllo che ponga a funzionale di ottimo la politica di eco-sistema. Vedi ad esempio (e trattazioni collegate):
https://partitoviola.wordpress.com/mmt-30-sec/

(*7)
https://partitoviola.wordpress.com/2012/06/09/la-teoria-del-controllo-ottimo-top-della-teoria-dei-sistemi-applicata-ai-modelli-economici-elementi-di-base/

(*8)
effettivamente lo sbarco sulla luna è del 1969
http://it.wikipedia.org/wiki/Allunaggio

Anche se c’è chi dice che lo sbarco lascia molti dubbi di veridicità.
Ad esempio le ombre non compatibili, fenomeni strani di galleggiamento, etc.
Uno dei video su internet che avvolorerebbe la tesi che la realizzazione fu fatta in studios televisivi (quindi in data antecedente al ’69 almeno come preparazione):

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...