Report dell’assemblea di Roma del 27 Maggio 2012 ? [“Per Una Lista Civica Nazionale” RINUNCIA al progetto di “federazione di movimenti”]

“Per Una Lista Civica Nazionale”

http://www.facebook.com/groups/lista.popolare/

8 ore fa · Mi piace
  • Gianni Ceri forse ho fatto un po’ di casino….Riccardo Calantropio…ho anche un Gianni Ceri _2…ho fatto un accesso con facebook e si è costruito un altro profilo_2….

    7 ore fa · Mi piace
  • Riccardo Calantropio infatti, con la nostra piattaforma si individuano subito i doppioni🙂

    7 ore fa · Mi piace
  • Riccardo Calantropio Tranquillo…..basta che mi dici quale eliminare dei due🙂

    7 ore fa · Mi piace
  • Riccardo Calantropio E per fortuna che erano due Gianni Ceri, pensa se fossero stati un Gianni Ceri e un Angelo Fasano con lo stesso IP🙂

    7 ore fa · Mi piace
  • Lino Cibernetico Tufano Riccardo Calantropio,

    Che io non abbia aderito al progetto compilando l’apposito modulo prima della data del 27 maggio 2012: è falso.

    Che io non sia stato inserito tra i coordinatori per decisione dell’assemblea del 27 maggio 2012: è falso.

    Che ci sia chi singolarmente si assume di dichiarare il falso e così chiudere un cerchio di un progetto che sarebbe stato aperto ed invece a 3 giorni di distanza è ancora chiuso è una Vostra responsabilità.

    Mi sembra che i vostri timori di rendere l’esperimento una democrazia e di tipo partecipato sia nei fatti.

    Vi auguro buona fortuna, ma non sono abituato a giocare sulla credibilità, poiché in politica la credibilità è tutto e posso dimostrare ciò che dico.

    Non avete né la credibilità, né la capacità di assumervi delle responsabilità, né la capacità di gestire un processo come quello cheDavide Gionco vi ha presentato e che io accolsi in assemblea senza neanche sapere chi lo avesse presentato avendolo accolto come proposta da portare in votazione.

    Allo stato attuale e senza le garanzie di un coordinamento regolarmente insediato tramite un voto generale vi configurate come una lista civetta per rastrellare voti senza nessuna garanzia di democrazia vera.

    Il movimento che io rappresento, partito viola, esce quindi senza bisogno di altre conferme che pure c’erano state già dalla data del 27 maggio 2012, nel configurare una assemblea anziché proponente, bensì deliberante, tradendo -così- quello che recitano i Vostri stessi documenti come visibili nel video seguente, nelle relative intestazioni e discussioni.

    E sia chiaro che io avrei accettato come corretto il sottoporre qualsiasi decisione alla assemblea di tutti gli aderenti, come era nella piattaforma a cui ho aderito e non per semplice proposta della assemblea fisica di 120 persone circa del 27 (per quanto confermata in quella sede).

    Ma evidentemente Voi avete un direttivo occulto in grado di dire _mutu proprio_ chi è dentro e chi è fuori in base a regole che non può fissare solo una parte se in formazione vi è una federazione di movimenti.

    Ergo “Per Una Lista Civica Nazionale” non intende con le comunicazioni attuali proporsi come lo strumento a cui avevamo aderito, ma come una *struttura chiusa* e già formata che detta _le sue_ regole, anziché concordarle con tutti.

    Spero che vi rendiate conto che state implemetando un oggetto che dice una piattaforma e realizza una praxis che non è coerente con ciò che afferma.

    Spero che tutti possano rendersi conto che la cosa non ha una sua linearità e coerenza tra

    l’idea -> la parola -> i fatti.

    Saluti e auguri di ogni bene

    i documenti per come proposti il 27.05.2012:
    http://www.youtube.com/watch?v=gX3W2Ax-Dgw

    www.youtube.com

    il 27 maggio 2012 si è svolta a Roma una Assemblea a cui sono stati invitati mol…Visualizza altro

    13 minuti fa · Mi piace ·–

    Report dell’assemblea di Roma del 27 Maggio 2012 – Per una Lista Civica Nazionale – redatto da Gabriele Volpi

    Nessuna risposta
    29 maggio, 2012 – 18:37
    Ritratto di Riccardo Calantropio
    Online
    Iscritto:06/10/2011

    Coordinamento nazionale provvisorio (in ordine alfabetico per nome)

    Angela Porciani – Toscana

    Gabriele Volpi – Toscana

    Gianni Ceri – Trentino

    Gianni  Principi – Marche

    Giovanna Piparo – Piemonte

    Giovanni Mangano – Veneto

    Giovanni Palazzotto – Sicilia

    Guido Grossi – Umbria

    Italo Campagnoli – Marche

    Marzia Marzoli – Lazio

    Mimma Greco – Piemonte

    Roberto Brambilla – Lombardia

    In assemblea hanno avanzato la loro candidatura anche due persone di cui non risulta l’adesione al progetto “Per una Lista Civica Nazionale”:

    Giovanni Ceccotti – Umbria

    Lino Tufano – Lazio

    Chi ha organizzato il 27 e i due eventi precedenti?

    Alessandro Balzan

    Alessandro Lunetta

    Angelo Mingolello

    Augusto Rossi

    Claudio Mazzoccoli

    Dario Rinco

    Gabriele Volpi

    Gianni Ceri

    Giovanni Palazzotto

    Guido Grossi

    Italo Campagnoli

    Lara Benazzi

    Marzia Marzoli

    Michele Boato

    Mimma Greco

    Pier Giorgio Pavarino

    Roberto Brambilla

    Sergio Mazzanti

    Compiti e regole per il coordinamento nazionale

    VOTI PROPOSTA
    Unanimità lavora a titolo collettivo e gratuito
    Unanimità garantire che assemblea approva liste e programma con internet tramite email
    Unanimità garantire elezioni coordinamento su internet
    Unanimità pubblicizza i momenti in cui si incontra
    Unanimità rendere trasparenti i verbali e la documentazione
    31 organizzazione sul territorio
    29 facilitazione gruppi di lavoro tematico
    26 si può partecipare alle riunioni del gruppo di coordinamento ma senza diritto di voto
    23 far decidere il metodo decisionale entro 2 settimane all’assemblea
    20 funzione logistico-esecutiva
    20 convocare la prossima assemblea, solo ruolo organizzativo, legittimare l’assemblea
    19 creare un comitato come afferma il codice civile per avere un codice fiscale

    Metodi e strumenti per prendere decisioni

    VOTI PROPOSTA
    23 Proposta Guido Grossi– basato su democrazia diretta- assemblea di tutti aderenti decide su internet

    – assemblea nomina coordinamento nazionale

    – coordinamento nazionale realizza decisioni assemblea

    – coordinamento nazionale indirizza discussione (forum)

    – coordinamento nazionale organizza raccolta fondi

    – coordinamento nazionale nomina portavoce nazionale

     

    28 Proposta Angela Porciani e Domenico Morace– coordinamento nazionale provvisorio che rappresenti i territori- assemblea nazionale tra 40 giorni

    – censimento realtà civiche

    – due organismi a scadenza (3 mesi):

    Organizzazione – statuto

    Programma

    – voto senza deleghe

     

    16 Proposta Pino Strano– decisioni con doppia maggioranza- decide assemblea e decidono i gruppi

    Punti per integrare la carta d’intenti (in blu le integrazioni per inserire le frasi)

    13 Aggiungere“Siamo contro le massonerie, contro le mafie, contro organizzazioni segrete e criminalità organizzata”
    11 AggiungereVogliamo un “Sostegno minimo garantito alle donne e/o agli uomini che decidono di non lavorare per accudire la prole.”
    10 AggiungereCrediamo nella “Difesa dei principi fondanti della costituzione”
    9 Integrazione“Questo già facciamo nei nostri Comuni, questo vogliamo fare in Italia, in Europa e nel Mondo.”
    8 AggiungereVogliamo le “Dimissioni in bianco per chi andrà a rappresentarci, in modo che chi non rispetta la propria dichiarazione d’intenti possa essere dismesso” mediaticamente con il suo preventivo consenso

    Proposta ammissibile al voto solo se intesa come strumento mediatico (come da integrazione qui proposta).

    La proposta nel testo originale individua un’azione che abbiamo già verificato essere illegittima

    8 IntegrazioneVogliamo ridurre orario di lavoro per permettere a più persone di entrare nel mondo del lavoro e per permettere alle persone di recuperare il tempo per la famiglia, per la partecipazione democratica, per la cultura.”
    8 Sostituisce la prima frase“Essere civici significa: partecipazione politica attiva attraverso indicazioni degli obiettivi generali e il controllo della loro attuazione, comportamenti individuali e collettivi coerenti con gli obiettivi proposti”
    6 Da inserire all’inizio“Nella nostra attività facciamo riferimento alla carta costituzionale di cui intendiamo rendere effettivi i principi compreso quello della forma di repubblica parlamentare, rafforzando la funzione di rappresentanza popolare del parlamento, incompatibile con la forma di repubblica presidenziale.” 
    VOTI PROPOSTA

    Proposta di campagne tematiche nazionali per “parlare” ai cittadini

    VOTI PROPOSTA
    20 Referendum su legge elettorale
    17 Legalità presupposto di base
    17 Difesa dei beni comuni dopo la vittoria dei referendum
    16 Feste musica lavoro x i giovani
    16 Gruppi di solidarietà locali/reti di economia solidali
    16 Risanamento del territorio italiano
    15 Riforma istituzionali comuni
    15 Riforma dei partiti

    Temi prioritari da inserire nel programma

    VOTI PROPOSTA
    30 benessere interno lordo
    25 cost. Gruppo lavoro riforma sistema politico
    25 Istruzione/ Cultura / ricerca start UP Pubblica
    24 riforma sist trib e fiscale
    24 economia Criminale/illegale
    23 Nuova politica mobilità/sostenibilità
    18 Ridare EURO ai cittadini EU
    17 emergenza ecol. E decrescita
    17 Art. 18 welfare
    13 lotta criminalità/uso esercito/dep. Sostanze leggere

Aggiornamento 30 maggio 2012:


  • Riccardo Calantropio Caro Lino, quello che dici è molto pesante e grave; anche perchè la tua assenza di iscrizione nella lista degli aderenti potrebbe essere dovuta a un disguito tecnico di una piattaforma che funziona male: http://www.perunalistacivicanazionale.it/adesionealprogettopre/..

    www.perunalistacivicanazionale.it

    Siamo Civici. Il civismo ha radici profonde e nasce quando cittadine e cittadini decidono di amministrare in prima persona la cosa pubblica… [leggi tutto]
    9 ore fa · Mi piace
  • Riccardo Calantropio In effetti circa una settimana fa avevo ricopiato la lista quando gli aderenti erano 175 (e al 175° posto c’era Bavaro Giuseppe di Busto Arsizio; ora invece occupa il 165° posto. Da qui ne sono stati eliminati, non so perchè 10).

    9 ore fa · Mi piace ·  1
  • Riccardo Calantropio Mi potresti dire la data in cui hai aderito?

    9 ore fa · Mi piace
  • Lino Cibernetico Tufano A Riccardo Calantropio e @ tutti: i problemi tecnici, se sono disguidi involontari, si possono facilmente sanare. Né io sono una persona impulsiva e che non riflette prima di parlare. Se un ingegnere non fosse abituato a predersi la responsabilità di cosa afferma farebbe un altro mestiere meno impegnativo.Quindi il problema che io ho posto non coinvolge questioni personali, ma una questione di “metodo” che si riversa su una questione di “fattibilità” di un progetto che non può affermare un programma e implementarne uno diverso, a meno di fare praxis di mostrare una immagine diversa da ciò che è la realtà.

    Ho dato tutte le delucidazioni particolari a Riccardo Calantropio e ad altri che mi hanno scritto, ma ribadisco che queste sono cose di poco interesse, perché coinvolgono un singolo.

    E’ grave invece la dinamica di questo progetto che nei casi singoli deve trovare delle eccezioni e non una regola.

    Spero quindi che a tutti risultino cose diverse da ciò che mi risulta a livello personale, di modo che anche il progetto “PULCN” possa avere il suo consenso.

    Ma le responsabilità della funzione (trasparenza) che avevo proposto e che ho assolto fino alle mie dimissioni mi imponevano di lasciare valutare a chiunque fosse interessato la dinamica dei fatti dal mio punto di osservazione (stiamo parlando -per chi non avesse seguito- del fatto che io non avessi compilato il modulo di adesione e che l’assemblea del 27 non avesse nominalto anche me tra i coordinatori).

    La pretestuasità -dei fatti del 27 e seguito- inoltre era nella configurazione di un organismo già connotato che potesse dare legittimità anziché semplice conferma verficabile da tutti grazie a votazioni estese di ciò che era la fase di arbitrato nella dinamica di fondazione.

    In una qualunque assemblea il primo atto è la regolare convocazione.

    Una volta che l’assemblea è insediata va eletto -dall’assemblea, x ogni tipo di assemblea democratica- un arbiter che spieghi e dia facoltà di intervenire, grazie all’incarico -all’abiter- di tale facoltà, che l’abiter espleta grazie alla delega assembleare (nel codice civile è detto il “presidente dell’assemblea” -> che dice “può intervenire .. ne ha facoltà”).

    Viene redatto non un report, ma un verbale, che racconti fedelmente tutte le dinamiche che abbiano portato a esprimersi l’assemblea nei metodi previsti e in modo da agevolare il diritto di intervento di tutti i facenti parte alla assemblea.

    Se una assemblea è solo proponente, ciò è diverso dall’impostazione che sia deliberante e va spiegato “a nome di chi delibera?”.

    Se l’assemblea fosse una sorta di “comitato centrale” che abilità altre strutture, che però *le fossero sottomesse*, ciò è diverso dal fatto che sia in progetto una struttura orizzontale “federazione di movimenti”.

    Non avere dimestichezza con questi concetti base porta il progetto a snaturarsi.

    Io mi interesso -ho 55 anni- di intelligenza naturale e artificiale e tecniche di arbitraggio già dal 1990, cioé da 22 anni.

    La mia tesi di laurea (22 anni fa) era strategie di sintesi di sistemi affidabili e/o tolleranti il guasto e arbitrava 3 computer di bordo di una shuttle europeo per conto della allora Selenia Spazio.

    Quindi ritengo di avere gli strumenti minimi di sapere di cosa parlo non per improvvisazione di scrivere su facebook, che non va demonizzata, ma è una piattaforma non idonea per fare realizzare un vero progetto con le potenzialità massmediali necessarie a una “democrazia partecipata orizzontale”, ma solo uno dei tanti canali da agevolare per la poliedricità che oggi deve avere la comunicazione.

    Detto questo, valutate che tipo di progetto volete abilitare per passare dalla utopia ai fatti, poiché la politica è detta l’arte che rende reale l’utopia, altrimenti è manipolazione delle masse per fini non esplicitati.

    Per chi fosse interessato ad approfondire l’argomento:
    http://www.unicitta.it/2012/05/29/al-il-master-progettazione-dei-processi-partecipativi-il-22-giugno-la-presentazione/

    www.unicitta.it

    Per partecipare alla presentazione del nuovo master, che avverrà con il metodo E…Visualizza altro
    27 minuti fa · Mi piace ·
Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...