We Are All One?

http://www.facebook.com/groups/lista.popolare/

Guido Grossi

Fernando Rossi
4 ore fa
Messaggio per tutti coloro che parteciperanno all’incontro del 27 maggio a Roma

Cari amici e amiche, vi auguriamo buon lavoro per l’incontro del 27 Maggio a Roma e ne attendiamo fiduciosi l’esito, dichiarandoci sin d’ora pronti ad incontrare il coordinamento che eleggerete.

Per parte nostra, auspichiamo la convergenza sui principi che il Movimento Politico di Liberazione Per il Bene Comune ha posto come comuni denominatori per i movimenti, partiti, associazioni e liste che prenderanno parte alle Assemblee Sovrane delle Comunità , pur ribadendo il diritto alla loro piena autonomia interna e la pari dignità tra tutti i soggetti singoli od organizzati, e che sono di due ordini.

Principi etici:
– la non appartenenza a partiti che abbiano già governato l’Italia;
– la non appartenenza a logge massoniche;
– la non presenza di condanne passate in giudicato;
– l’accettazione del metodo della democrazia diretta;
– Il rispetto integrale dell’art. 3 della Costituzione: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”;
– l’accettazione e l’attuazione delle decisioni assembleari;
– le liste elettorali saranno composte dal 10% di nominati dai soggetti politici maggiormenterappresentativi del territorio e dal 90% di persone estratte a sorte tra i partecipanti alla Assemblea Sovrana.

Principi politici:
– La proprietà pubblica della moneta (fuori dall’ Euro , Banca d’Italia dello Stato).
– La sovranità nazionale (fuori dall’Europa della BCE per ricostruire la Federazione Europea, fuori dalla Nato, via le basi e le bombe atomiche americane), cooperazione internazionale sulla base del reciproco interesse con tutti i popoli e stati che non occupino altri popoli e altri stati.
– Dentro a queste due “sponde” saranno le Assemblee Sovrane a definire i rispettiviprogrammi politico/amministrativi locali, mentre il programma politico della Lista Patriottica Aperta, che presenteremo alle elezioni politiche, sarà definito dal Parlamento del Popolo Sovrano, composto dai candidati, scelti ed estratti a sorte, dalle Assemblee Sovrane, rispettando, con un regolamento di cui si doteranno, i criteri rispettivamente del 10 e del 90% .

In attesa di un positivo riscontro, cogliamo l’occasione per formulare i migliori auguri a tutte leamiche e amici convenuti a Roma.

Ferrara, 23 maggio 2012
Per il Movimento Politico di Liberazione Per il Bene Comune
Monia Benini
— con Al Man e altre 49 persone.

Mi piace ·  · Non seguire più il post · 23 ore fa

pbc.woto.it

sistema di voto online
18 ore fa · Mi piace
  • Angela Mc Keever veramente questi mi sembrano degli adolescenti un po surrealistici , ma davvero volete dichiarare guerra agli stati uniti ,io voglio cambiare il sistema interno non altro ,ce lo lasceranno pure fare se non esageriamo

    17 ore fa · Mi piace ·  2
  • Angela Mc Keever non voglio che l’Italia diventi un secondo Libano

    17 ore fa · Mi piace ·  2
  • Massimo Rambaldi ‎@Angela secondo te i partiti italiani da chi sono controllati? Con tutte le basi americane e testate nucleari che ci sono sul territorio italiano?

    17 ore fa · Mi piace ·  2
  • Massimo Rambaldi oltre che da le banche e finanza

    17 ore fa · Mi piace ·  1
  • Angela Mc Keever ‎Massimo Rambaldi ci sono diversi piani di controllo ,la politica ufficiale degli USA interessa solo avere basi qui in Italia per il controllo del medio oriente e dei paesi mediterranei e Russia punto, poi ci sono i piani massonici che comprendono banche e finanza, di questi sono vittime anche gli statunitensi ,avete le idee confuse

    17 ore fa · Mi piace ·  2
  • Massimo Rambaldi ok saremo confusi😉 rispetto la tua opinione, nn sono qui per litigare, ma per informare e poi giusto che ognuno noi è in grado di ricercare le informazioni in rete e farsi la sua opinione, o cmq ascoltato anche testimonianze da persona che dentro quel marciume c’era fino al 2007
    😉

    17 ore fa · Mi piace ·  1
  • Angela Mc Keever ‎Massimo Rambaldi scusami ma se vuoi i8nformare fallo dicendo la verità

    17 ore fa · Mi piace ·  1
  • Massimo Rambaldi va bene hai ragione tu dai, come ho detto nn voglio litigare, cmq vedo che tu hai la verità in tasca, bene🙂 credo che ognuno di noi due abbia scritto la propria opinione e come la pensa😉

    17 ore fa · Mi piace
  • Angela Mc Keever la mia non è solo la mia opinione ,ma conoscenza dei fatti

    17 ore fa · Mi piace ·  1
  • Massimo Rambaldi bene, ok come ti dicevo ti auguro un buon lavoro per il 27, tanto è inutile che portiamo avanti questo nostro scambio di opinioni staremo qui a scrivere per ore e giorni e nn cambierebbe nulla di che😉

    17 ore fa · Mi piace ·  1
  • Angela Mc Keever ‎Massimo Rambaldi buon lavoro anche a te

    16 ore fa · Mi piace ·  2
  • Sergio Mazzanti ‎Riccardo Calantropio: RETE DEI CITTADINI ha già cominciato a raccogliere le “autocandidature” secondo il principio che hai detto

    3 ore fa · Mi piace ·  3
  • Riccardo Calantropio Sergio Mazzanti, mi fa molto piacere che condividiamo importanti principi di democrazia diretta e partecipativa. Sarà, a mio avviso, la carta vincente, anche nei confronti del M5S di Grillo, viste le liti relative a Parma (nominaValentino Tavolazzi).

    3 ore fa · Mi piace ·  1
  • Sergio Mazzanti Qui è descritto il principio e le modalità di autocandidatura: http://www.retedeicittadini.net/blog/groups/rete-dei-cittadini-nazionali-2013/docs/modello-scheda-candidato

    www.retedeicittadini.net

    Gruppo per la creazione di una coalizione RETE DEI CITTADINI per le elezioni naz…Visualizza altro
    3 ore fa · Mi piace ·  2
  • David Rorro ‎Sergio Mazzanti : anche io vorrei proporre la mia candidatura . la metto sul sito di RDC ?

    circa un’ora fa · Mi piace
  • Sergio Mazzanti Mandala a info@retedeicittadini.it, David Rorro e apriamo una pagina apposita sul sito (ci serve un email valida)

    circa un’ora fa · Mi piace
  • Sergio Mazzanti Però cambiamo argomento… siamo un po’ troppo off topic!

    circa un’ora fa · Mi piace
  • David Rorro si , giusto… non avevo letto l’inizio. comunque grazie.

    circa un’ora fa · Mi piace
  • Riccardo Calantropio Per restare, invece, nell’argomento del post Di Guido Grossi, proporrei di creare un dialogo permanente con tutte le altre realtà che decideranno di non entrare subito nel nuovo soggetto politico. Ho sentito diversi umori, e alcuni ancora vedono poco chiaro e un po’ confusionario il progetto, anche perchè ci sono pochissimi esempi di vera democrazia diretta e partecipata sul web. Quindi, auspicherei di mantenere un atteggiamento aperto e dialogante, perchè alla fine, anche un apparentamento elettorale negli ultimi mesi prima delle elezioni non sarebbe da scartare, se l’assemblea generale lo riterrà opportuno.

    circa un’ora fa · Mi piace
  • Lino Cibernetico Tufano Signori, le autocandidature mi sembrano premature, spiego il perché: l’idea da cui -mi sembra- che stiamo partendo è di trovare una piattaforma unica che riunisca forze diverse, anche se con il requisito minimo della democrazia e in particolare della democrazia diretta.

    Questo è l’ID, il processo di id-enti-factum, di identificazione.

    Però oltre che a darci una identità necessita andare ad una sintesi, ad un progetto comune.

    Poiché la situazione è troppo grave per permetterci di sbagliare, necessita che il cerchio che racchiude il progetto sia il minimo necessario e sufficiente per continuare ad avere un paese in cui vige un rispetto di una società che dialoga, quindi una democrazia, che dire diretta -alla democrazia- già è una specificazione non necessaria se non per le violazioni della rappresentanza e della manipolazione massmediale.

    La mia proposta è semplice:

    1) _democrazia_interna_ a chi si coalizza (nella lista che io chiamo sigma, ossia sommatoria di forze senza avere una sola testa, ma più teste, più movimenti non identici che però hanno un obbiettivo comune) Ad esempio la lista del M5S non potrebbe aderire poiché non vi è nel movimento 5 stelle una democrazia interna che sia eletta a tutela del marchio (di cui è intestatario Grillo/Casaleggio), della linea politica, delle risorse interne, etc, a meno che il M5S non operi la modifica della sua struttura organizzativa che oggi non è democratica ma etero diretta da fuori.

    2) metodi di realizzazione della democrazia interna: voto il più orizzontale possibile tra coloro che aderiscono a forma strutture che rappresentino _tutti_ coloro che hanno aderito.

    3) proposta delle candidature in qualità di “portavoce” della rete di reti (che io chiamo sigma) preso atto che _comunque_ i portavoce dei relativi partiti o movimenti o associazioni che partecipano sono e rimangono i referenti delle relative forze.

    4) metodo di votazione della candidature a nome di tutto sigma, ma su un paniere di progetti da esporre e votare e solo dopo considerare condivisi.

    5) negli oggetti minimi, quindi, a nome del partito viola, io pongo il

    a) metodo di democrazia interna alle forze che esprimono dei portavoce (uno per area di competenza), e di democrazia esterna nella azione politica degli eletti (candidati dopo essere indicati con voto da tutti gli aderenti) nelle istituzioni nelle competizioni elettorali.

    b) invalidazione di tutti i trattati nazionali ed internazionali che abbiano tolto sovranità in qualunque materia (come la sovranità monetaria e giurisdizionale) senza un referendum popolare.

    c) ritorno quindi alla sovranità legale e monetaria italiana con la banca di Italia nazionalizzata e controllata dal ministero del tesoro, nonché nazionalizzazione di tutti gli istituti bancari sul territorio nazionale, sottoposti ad una normativa che rende i quadri direttivi del sistema bancario in genere (sul territorio italiano) degli impiegati dello stato con l’obbligo alla osservanza di normative sull’esercizio della finanza e del credito.

    d) nazionalizzazione dei settori di estrazione e distribuzione delle materie prime sul territorio italiano, compresa acqua, gas, petrolio, carbone, metalli, e ogni risorsa pubblica (come pure tutti i servizi primari: strade, opere pubbliche, acquedotti, sistema della portezione civile, sanitario, assistenziale, etc).

    e) legislazione che abolisca il concetto di materiale rifiuto da sostituire con quello di materia prima sottoposta a ciclo di prodotto, per cui chi produce e commercializza un prodotto è obbligato a riacquisire quanto messo in commercio dopo il suo uso e quindi progettare il ciclo completo di ciò che esce e rientra in un ciclo di produzione.

    f) completa tracciabilità di tutte le transazioni finanziare, che -in quanto lecite- devono essere on line e sindacabili da chiunque fino alle minime pezze di appoggio atte alle verifiche di bilancio e ogni tipologia di transazione commerciale tanto da risolvere il problema della teoria dei controlli “chi controlla il controllore” quindi tramite un controllo eseguibile da chiunque e quindi non manipolabile corrompendo le società di revisione.

    g) piena sovranità monetaria con una vera banca centrale pagatore di ultima istanza nell’ipotesi che venga previlegiata la tecnica di emissione con titoli pubblici.

    h) implementazione delle tecniche di eco-sistema per la compatibilità tra concetto di sviluppo e non distruzione delle risorse ambientali sia per la valutazione dell’impatto ambientale e sia per la valutazione delle risorse di modifica dell’ambiente perché antropomorficizzato (utilizzato dalla specie umana senza distruggere però la ecosostenibilità per tutte le specie viventi).

    i) sistema di tassazione proporzionato alla capacità di reddito del soggetto, in cui *non sia compito del privato la dichiarazione dei redditi*, ma dello stato (che deve essere dotato di base di dati complete di ogni transazione finanziaria) a cui può essere fatta opposizione nel caso di errate comunicazioni. Specificato che la tassazione è da abbassare a valori che rendano lo stato un socio di minoranza e non di maggioranza nei redditi prodotti, quindi sotto il 50% considerando ogni tipologia di esborso a fini pubblici e non solo le tasse dirette e progressivamente abbassare le tasse laddove lo stato avesse un avanzo di entrate rispetto alla spesa offerta alla collettività.

    Grazie dell’attenzione, quindi c’è da costruire una piattaforma prima di dire chi può rappresentarla, altrimenti domandiamoci se ci piace Montezemolo ..

    : – )

Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...