Mein Kampf (La mia battaglia) di Adolf Hitler: viaggio dal culto della razza superiore a “ce lo chiede l’Europa – rigore e sacrifici umani”

Copertina Mein Kampf (la mia battaglia) di Adolf Hitler

Copertina Mein Kampf (la mia battaglia) di Adolf Hitler

Troviamo oggi un articolo
http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/04/24/germania-2016-mein-kampf-sara-libro-testo/206922/
su “il fatto quotidiano” che ci spiega come si stia valutando -in Germania- di curare una edizione per le scuole del famoso libro di Adolf Hitler.

Le ragioni sono
cit:
«La decisione è stata presa dal ministro delle Finanze bavarese, Markus Soeder: a fine 2015 il ministero perderà i diritti sul testo e cerca di arginare con un testo commentato il proliferare di edizioni commerciali. “Vogliamo rendere chiaro in tutte le pubblicazioni quali enormi assurdità sono contenute in questo testo, per far capire a quali conseguenze catastrofiche ha condotto questa ideologia“»

Ritengo come curatore del blog “partito viola” molto interessante questa notizia per fare una riflessione sulle “radici culturali” della filosofia tedesca nel secolo da cui prende le mosse il pensiero hitleriano.

A mio avviso infatti non è possibile comprendere il pensiero hitleriano se non si valuta la ricerca filosofica di Friedrich Nietzsche.

Alcune informazioni minime sono al link seguente:
http://it.wikipedia.org/wiki/Friedrich_Nietzsche

Ebbene il problema di Nietzsche era un problema tutt’altro che banale .. “può un essere umano confrontarsi con l’idea che vi sia una entità superiore, in genere denominata Dio?”

E’ uno dei temi principali della filosofia e della religione e le varie esperienze soggettive e collettive hanno portato a scelte molto diverse a secondo delle ipotesi di partenza.

Per il buddismo, ad esempio, l’uomo deve abbandonare l’idea di qualcosa di esterno a se stesso, e quindi curare una via armonica detta “la via di mezzo”.

Ma per il noto filosofo tedesco vi è un’altra strada: quella della constatazione che nelle grandi masse la idea di Dio è una idea rassicurante che aiuta l’equilibrio personale e quindi che nella normale umanità l’uomo non può emanciparsi dall’idea di sperare che vi sia una entità superiore che faccia giustizia dei soprusi che soffre in specie colui o coloro che sono nei gradini più bassi della organizzazione sociale.

Da ciò nascerà la constatazione che solo menti superiori sanno spogliarsi di questa illusione, ma solo se accettano il rischio di vedere cosa succeda nella propria mente nell’uccidere Dio.

Nice porterà -per onestà intellettuale- fino alle estreme conseguenze questa sua idea, fino a perdere l’uso della ragione, ma in questa sua ricerca ci lascia pagine di una bellezza struggente che è quella di chiunque cerchi di capire una intelligenza superiore alla propria intelligenza.

Per chi volesse rendersi conto per lettura diretta delle opere consigliamo di leggere “Così parlò Zarathustra”:
info: http://it.wikipedia.org/wiki/Cos%C3%AC_parl%C3%B2_Zarathustra_(Nietzsche)
il testo: http://www.pensierofilosofico.it/ebooks_file/248/nietzschecosiparlo.pdf

Completiamo questo prologo con la citazione del testo di Adolf Hitler:
http://www.radioislam.org/historia/hitler/mkampf/pdf/ita.pdf

Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...