Monti conferenza presso Confindustria 17-03-2012: “..abbiamo chiesto sacrifici (umani) non per sadismo!”

La politica dei sacrifici umani?

La politica dei sacrifici umani?

Oggi presso Confindustria il presidente del consiglio Mario Monti ha illustrato le ultime decisioni su TAV e modifica delle tutele sul lavoro (articolo 18) dicendo che se si sono chiesti sacrifici all’Italia ciò è stato per avere la CRESCITA, sebbene l’istat -istituto nazionale di statistica- denuncia un regresso del prodotto interno lordo (PIL) e quindi una recessione galoppante, con aumento del livello di tassazione e della mancanza di denaro nel circuito dei prestiti bancari.

l’articolo su repubblica.it:
http://www.repubblica.it/economia/2012/03/17/news/monti_marcegaglia-31694756/?ref=HREA-1

Alcune osservazioni su “il più grande crimine” da facebook:
http://www.facebook.com/groups/ipgcadmin/permalink/381030805249053/

cit:

QUEL GIORNO SUL BRITANNIA

Prodi, dopo la riunione del 1992 sul vascello Britannia, alla quale era presente anche Draghi, affermò che era necessario fare dell’Italia un paese moderno, in grado di partecipare al progetto dell’euro.
Per poter coprire il debito pubblico, che intorno al 2000 era di circa 1000 miliardi di euro (2 milioni di miliardi di lire), disse che necessitavano le privatizzazioni; che ciò avrebbe creato risanamento del bilancio grazie all’acquisizione del ricavato della vendita a privati delle aziende di stato, ed inoltre che la competizione del privato avrebbe abbassato il costo dei servizi, in particolare il costo dei treni e dei mezzi pubblici, il costo dell’energia elettrica e del gas, migliorando i servizi postali, la qualità delle infrastrutture come ferrovie e autostrade e strade.
Non solo nulla di tutto ciò si è verificato, ma si è verificato esattamente l’opposto.
Sfortuna? Errore di valutazione?
Oppure era ben noto, a quell’1% rappresentato da chi si riunì sul Britannia, che la privatizzazione sarebbe stata la trappola mortale in cui trascinare il restante 99%?
GUARDIAMO AI RISULTATI DELLA “CURA” PRODI:
– il debito pubblico è raddoppiato: oggi è di circa 2000 miliardi anziché 1000 miliardi come all’entrata nell’euro;
– i servizi sono arrivati a costi insostenibili, e dalla politica di monopolio dello Stato su acqua, energia ed altro, che però vedeva i bilanci in attivo con poca spesa per l’utente, siamo passati ad un’esplosione dei costi così assurda che non c’è più la possibilità neanche per la classe media di pagare le utenze.
DI CHI LA COLPA?
I media, sembrano comprati dai veri poteri, e continuano a martellarci con la stessa risposta: siamo troppo “spendaccioni”, e poi c’è la corruzione.
La stessa accusa fatta alla Grecia, sembrerebbe in perfetta malafede.
Uno Stato che spende a deficit per il benessere della gente non è “spendaccione”: sta semplicemente facendo il suo dovere.
La corruzione poi non è la causa, ma l’effetto (o se mai la concausa) di una situazione divenuta insostenibile per un popolo sano, pacifico, onesto per la sua grande parte, come quello italiano, che – non dimentichiamolo – era tra i maggiori risparmiatori del mondo. I funzionari hanno paura di non farcela, di finire nello stesso baratro delle classi sociali medio-basse, e quindi cercano –quando succede– di integrare il loro stipendio chiedendo soldi in cambio di ciò che dovrebbe essere normale dovere d’ufficio. Un comportamento senza dubbio condannabile, ma è una menzogna ad uso e consumo del popolo bue far credere che la corruzione sia la VERA (e sola) ragione della situazione attuale.
La situazione attuale non è incidentale, ma sembrerebbe pianificata da molti anni e innescata definitivamente con LA TRAPPOLA DELL’EURO.
L’euro, per come è stato creato e per come è oggi, senza una vera banca centrale, è UNA TRAPPOLA che potrebbe FARE FALLIRE INTERI STATI e costringerli a vendere il residuo dei beni pubblici, per ottenere in cambio moneta con cui pagare gli statali ed altre spese essenziali, e tutto questo tramite prestiti chiesti a banche private, essendo state smantellate quelle pubbliche.
TUTTI PROBLEMI CHE SI RISOLVEREBBERO CON IL RITORNO ALLA SOVRANITA’ MONETARIA ED ALLA VECCHIA LIRA, o con una vera banca centrale europea ..

(l’articolo ha avuto alcune modifiche -nelle parti in corsivo- per rispettare la pubblicabilità sul blog attuale).

Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...