Warren Mosler mostra l’equazione dei bilanci settoriali [studio dei flussi economici e finanziari]

(I-S) + (G-T) + (X-M) = 0

 l’equazione dei bilanci settoriali

    •  ‎(I-S) + (G-T) + (X-M) = 0 dove I = Investimenti, S = Risparmi, G = Spesa Pubblica, T = Tasse, X = Esportazioni, M = Importazioni
      Detto in altre parole, i bilanci del Settore Privato (I-S), i bilanci del Governo (Stato) (G-T) e i bilanci del Settore Estero (X-M) non possono essere tutti positivi.

    • C’ho capito unca,ma m’incuriosisce.

      16 ore fa · Mi piace
    • (I = investimenti – S + Risparmi) + G spesa pubblica – T tasse + X esportazioni – M importazioni)

    • i tre fattori sommati devono dare sempre come risultato O permettendo di variare i dati, ma con l’obbligo del risultato. Se pensiamo quindi al pareggio di bilancio che stanno facendo entrare nella nostra Costituzione si deve rientrare con il deficit nel settore governativo provocando effetti sull’economia stessa del paese, proprio perchè o diminuiamo G spesa governativa oppure si aumenta T tasse, con conseguenze/effetti che ritroviamo nel settore privato (I-S) meno investimenti e meno risparmi. quando quindi uno stato che dovrebbe iniettare liquidità in un paese, taglia G o aumenta T, non fa altro che creare recessione, dove vediamo che diminuisce il potere d’acquisto, diminuisce il lavoro, aumentano i disoccupati (che ricadono per un breve periodo nelle spese governative) e non c’è possibilità di crescita. O è possibile raggiungere un pareggio di bilancio se ci si affida solo al settore estero (x-m), che è possibile solo in paesi che esportano in dosi massice rispetto alle importartazioni. questo implica però soprattutto un mantenimento bassissimo del costo del lavoro. ed ecco cosa comporta il pareggio di bilancio voluto dall’ue

    • ‎(e non dimenticate che buona parte di G (spesa pubblica) se ne va già per pagare gli interessi sul debito (quasi 100 miliardi l’anno) )

    • Da questa equazione risulta meno evidente cosa acccada nelle tasche dei cittadini privati. Nel privato sono messi tutti insieme gli investimenti ed i risparmi. E poi nulla si dice di chi siano i privati che riescono a risparmiare (S positivo).
      S = I+(G-T)+(X-M)In teoria con forti investimenti I si potrebbero compensare le folli politiche del governo e persino lo sbilancio commerciale estero.Ma poi si parla di investimenti in moneeta reale corrente (euro) o in crediti bancari?

      9 ore fa · Mi piace
    • Questa è la base della MMT,  educatamente ti dico una cosa: tu non convincerai noi che la MMT non funziona, in tutti i tuoi post continui a cercare falle nella MMT… Detto questo, rispondo alla tua affermazione, siccome il bilancio di un privato può essere solo positivo (una famiglia in deficit va in bancarotta) togli già un’incognita… Poi diciamo anche che la ricchezza della famiglia non può aumentare senza una spesa pubblica (chi immette denaro nuovo nel settore privato altrimenti?), a meno che non ci siano forti esportazioni all’estero (tipo Germania adesso). Moneta reale o bancaria, sempre di euro si tratta.

      2 ore fa · Mi piace · 1
    • avere dei dubbi è lecito, siamo qui per studiare!

      2 ore fa · Mi piace
    • Hai ragione , ma mi sono resa conto che alcune persone, nonstante tutti i chiarimenti, continuano con le stesse domande..sono sfiancanti..e cmq, visto che questa e’ lunica strada per salvare la pelle, e presupposto base, e’ quello di uscire dall’euro e dalla UE, secondo me, il ns unico fine, per ora, dovrebbe essere questo..quindi studiare si per confutare le tesi dei denigratori e per spiegare al meglio la MMt..ma discutere ora di che piega dovrebbe prendere dopo la MMT, mi sembra quantomeno una perdita di tempo..

      2 ore fa · Mi piace · 1
    • Non voglio convincerti che MMT non funziona, ma voglio capire come leggere la realtà in cui viviamo secondo MMT.

      L’equazione descrivi il bilancio annuo di una nazione in una certa valuta.
      Una famiglia può andare in deficit, riducendo i propri risparmi o prendendo dei prestiti che non riesce a ripagare.
      La riduzione dei risparmi io l’ho sperimentata sulla mia pelle prima di emigrare in Svizzera.
      A causa delle tasse elevate e dei clienti che non pagavano, con il mio lavoro non riuscivo a coprire le spese di mantenimento della mia famiglia e mi consumavo i risparmi. Non potendo comprimere ulteriormente le spese della famiglia (mica posso ridurre il numero dei miei figli…), ho deciso di mandare al diavolo l’Italia e di trovarmi un onesto lavoro all’estero…

      Quello che non mi è chiaro è cosa succede all’interno del settore privato, fra banche e cittadini.

      Se (I-S) < 0, che cosa succede?
      1) Diminuiscono gli investimenti (le spese) degli italiani, a risparmio costante
      2) Gli investimenti rimangono invariati e si consumano i risparmi
      3) Gli investimenti diminuiscono in modo maggiore dei risparmi
      4) I risparmi aumentano in modo maggiore degli investimenti

      Dal punto di vista matematico sono 4 opzioni possibili.
      Ma cosa succede nella realtà?
      Cosa succede alle banche (che investono, ma anche risparmiano)?
      Cos succede a noi comuni cittadini?

      Di tutto questo, per il momento, non trovo risposta in MMT.
      Sappiamo solo che lo Stato può aumentare le emissioni di denaro G e regolare la tassazione T senza preoccuparsi del debito, ma solo di evitare l’inflazione e la disoccupazione.

      Ma questo non ci aiuta a capire che cosa succeda all’interno del settore privato.
      Né oggi, in cui G-T tende a zero a causa della diminuzione di G e l’aumento di T
      Né domani con un G-T che potrebbe aumentare nel settore privato, ma non sappiamo se aumenterebbe per le banche o per i cittadini

      circa un’ora fa · Mi piace
    • mah aver dubbi e’ normale, sopratutto se la mmt non e’ mai stata veramente testata…a me fanno paura i ciechi credeti o quelli che credon di aver trovato L UNICA RISPOSTA.

      circa un’ora fa · Mi piace
    • Già, meglio continuare a farsi le seghe mentali su altre teorie che sono già state sbugiardate

      circa un’ora fa tramite cellulare · Mi piace · 1
    • Purtroppo a casa mia contano i fatti, chi ha paura, puó stare pure dov’è. Si vuole lottare senza rischiare niente? Nessuno ha tutte le risposte, ma per me, per ora, la mmt è quella che ha saputo rispondere a tutte le mie domande

      circa un’ora fa tramite cellulare · Mi piace · 3
    • non è vero che non è stata testata (http://www.facebook.com/deficitowl/posts/326573667367888)
      oltre a questo esempio gli accademici mmt sono consiglieri in(http://nsgaravatti.blogspot.com/2011/12/modern-money-theory-primer-on.html) Ps se vuoi la storia dell’ argentina ho una tesi di laurea interessante che ne parla.
      dipende se è riferito come il bilancio delle aziende all’ esercizio, spero di trovarlo presto in new economics prespectives.

      circa un’ora fa · Mi piace
    • t ho detto, tu hai la perosnalita’ psicologica facilmente condizionabile.. sembri un testimone di geova. Continui a citare altri discorsi che abbiamo avuto in cui continuavi a interpretare come volevi le mie parole. ed e’ inutile rtispodnere, tanto o non sai leggere, o non vuoi leggere quello che uno scrive. Credi nel PIL come gran indicatore di sviluppo e salvezza..che vuoi che ti dica. Sembri un funzionario del FMI: “La mia teoria e’ giusta va applicata ovunque” in buona fede, ma cosi tanto convinto che ha ragione 1000 per mille che non vede nient’altro. Allora il caso Argentina?dove son stati licenziati e nessuno del gruppo ha avuto il coraggio di chiedere dal lato economisti e argentino perche’? nn e’ un gran esempio…

      59 minuti fa · Mi piace
    • capisco che scoprire la realta’: cioe’ che forse una risposta facilesemplice a tutto non c e’..beh forse la realta’ e’ troppo dura?

      57 minuti fa · Mi piace
    • Tu cosa proponi ? Parli, parli e
      Parli, forza su, ti ascoltiamo, proponi le tue questioni agli economisti. Ripeto, trovami contestazioni fondate e ne parleremo

      56 minuti fa tramite cellulare · Mi piace
    • perchè sono stati licenziati? qual è la dura verità?

      55 minuti fa · Mi piace
    • Di pil hai parlato tu, io parlo di spesa a deficit positivo, caro mi Sa che sei tu che non leggi. Proponi qualcosa di concreto e sarai ascoltato… Mi proponi le rinnovabili come soluzione della crisi?

      52 minuti fa tramite cellulare · Mi piace
    • infatti non capisco chi e’ qui solo per confutare..

      43 minuti fa · Mi piace · 1
    • io sn qui (e non solo) per confutare, ma di solito rispondo alle domande con dei contenuti =)

      41 minuti fa · Mi piace · 1
    • non lo so…tu lo sai? io mica son l esperto in mmt…voi lo siete..Voi proponete una cosa senza questionarla mai…allora almeno informatevi. ecco ancora il grande ..ccome al solito si parlava d’altro carissimo..tu usavi il pil per valutare l Argentina..ma ora tu esci con un bel copia incolla da un altro post quando si parlava del fatto che per te grillo e’ sempre una merda, mentre io apprezzavo esempio in tema rinnovabili alcune attivita’ di grillo. MEntre tu no solo perke si tratta di grillo (parrochhietta no?).

      39 minuti fa · Mi piace
    • io sono dentro al moVimento e ti posso dire che grillo è un neoliberista, guardati solamente l’ ultimo suo comunicato politico in cui attacca il debito senza dirci perchè è un problema, dopo è chiaro che se potessi girare in italia con una macchina a idrogeno la andrei a comprare anche adesso!
      Comunque in argentina sono tornati a come eravamo noi negli anni 70 non che stiano malissimo ma i sussidi a pioggia non sono stati seguiti da volontà politiche ad arrivare alla piena occupazione (questo l ho sentito dire da argentini!!) sai… gente disposta a fare qualsiasi lavoro pur di tirare avanti fa comodo a tutti…

      32 minuti fa · Mi piace · 2
    • Spiega dove vuoi arrivare. Vedi Mauro, io non ce l’ho con te, nonostante tu mi abbia dato del testimone di Geova. Trova l’errore nella formula e poi ne riparliamo. Io ho il difetto di essere cinico, e i discorsi sterili non mi piacciono

      31 minuti fa tramite cellulare · Mi piace
    • E non mettermi in bocca parole che non pronuncio, io ho solo dato la definizione di pil nell’altro post, non ho parlato di argentina. Non t’inventare le cose. E ricorda, che a differenza tua, non ti do nessun titolo e non ti offendo

      24 minuti fa tramite cellulare · Mi piace
    • ‎(I-S) sono investimenti e risparmi, ossia uscite di spese ed entrate in proventi. con un settore governativo che inietta denaro, come abbiamo detto nel settore privato, i comuni cittadini avranno la possibilità di poter o investire, con uscite di spese oppure accumulare risparmi. cosa succede se uno usa i risparmi (un surplus di bilancio) per acquistare beni reali anziché accumulare attivi finanziari netti? In questo caso, i beni finanziari di uno si sono semplicemente trasferiti a qualcun altro. bisogna però ricordare che la ricchezza finanziaria netta privata uguaglia il debito pubblico.le entrate e le uscite del sett.privato si accumulano periodicamente in stock di attività o passività finanziaria (la differenza in pratica che esiste nella contabilità di bilancio economico fra lo stato patrimoniale e il conto economico). L’accumulazione di attività finanziarie nette da parte del settore privato, sono possibili perchè il settore privato ha continuato e quindi ha potuto risparmiare, e ciò gli ha permesso di accumulare una riserva di ricchezza nella forma di beni finanziari.

      19 minuti fa · Mi piace
    • cioe’ raga io voglio solo dire che 1 formula applicata non da’ garanzie, che ci sono altre teorie in giro (che io considero meno validi, ma altra gente no) e che parliam d economia…dov e tutto e’ abbastanza relativo..fosse matematica ok la formula…ma economia..varia, cambia motli fattori in gioco. Poi se non e’ chiaro io son pro mmt, solo mi piace vedere anche altri punti di vista e cercar di magari evitare alcuni errori fatti in argentina. tutto qui.

      16 minuti fa · Mi piace
    • boh dai .. non t offendere..dai tuoi discorsi sembrava che per te il pil fosse importante come indicatore..

      15 minuti fa · Mi piace
    • Lino Cibernetico Tufano
      l’equazione è una sommatoria algebrica.
      Tiene conto dei flussi, o dei “vasi comunicanti” come direbbe Barnard.
      Una questione che è poco trattata nella MMT è che l’altro grande attore della emissione di moneta non è solo lo stato, ma anche il settore bancario.Se infatti è vero che una banca presta solo i soldi che le vengono affidati e le riserve sono la garanzia che fronteggia il flusso della normale richiesta della clientela, gli analisti sanno che ciò è vero solo se le banche chiedessero indietro tutti i prestiti e potessero ridare il denaro a tutti i correntisti.Nella realtà -invece- il sistema bancario è autorizzato a prestare anche i soldi che fisicamente non dispone al momento della richiesta di prestito.

      Il meccanismo con cui si sostiene questa ulteriore tecnica di creazione di moneta virtuale sono -per esempio- le garanzie bancarie chieste sul prestito.

      Alla stessa maniera con cui il controvalore delle banconote stampate da Lincoln era dato dal fatto che le sue truppe accettavano quel denaro in cambio del loro salario per prestare servizio e poi le potevano spendere per sopravvivere,

      COSI’

      il controvalore del denaro creato dal sistema bancario che da denaro per l’acquisto di una casa è la casa stessa che fa da garanzia nel caso il prestito non fosse restituito.

      Se non che chi prende il denaro per la vendita della casa anziché tenerselo in tasca lo deposita in banca, e su quel deposito la banca può anticipare il 5000% del valore del deposito, quindi crea moneta, a breve, e solo pareggia i conti qualora tutti i flussi andassero ai reali proprietari.

      Chi non ne fosse ancora convinto deve studiarsi la moneta emessa a riserva frazionaria (l’esempio precedente è a riserva di 2 euro per ogni 100 euro depositati e 98 prestati).

      Ora supponendo che si sia capito il meccanismo della riserva frazionaria qualcuno dubita che anche questo meccanismo di emissione di denaro che è detto prestito, non vada riesaminato?

      Non risulta forse a tutti che Mario Draghi ha ricapitalizzato le banche europee e che le banche -nonostante che i prestiti alle banche italiane siano garantite dal debito pubblico- NON e dico non sono obbligate a un criterio di rispetto di come si prestano i soldi instaurando una politica fuori controllo con perdita di sovranità del concetto di immissione di denaro nel circuito?

      Ora non per volere dare ragione a Grillo, che dirà quello che dice per ragioni sue .. ma a mio avviso anche le banche private vanno nazionalizzate sul territorio italiano.

      Questa ipotesi consente ad un governo democraticamente eletto di spiegare prima della elezione che politiche propone all’elettorato per la emissione monetaria e quindi per la politica dei finanziamenti.

      Concludo: io sospetto che l’esperimento non ci sarebbe concesso anche in ipotesi che si formasse un governo che volesse farlo.

      Lo stesso comparto -infatti- delle aziende pubbliche è completamente in procinto di essere privatizzato.

      Oramai l’Italia è una posizione geografica in cui vi è un teatrino della politica dove le direttive le fissa la BCE e a sua volta le direttive le prende da altri.

      Ecco un articolo che lo spiega bene:

      http://www.appelloalpopolo.it/?p=6136

      Necessita anzitutto partire dal concetto che come le colonie USA dovettero dichiarare la loro indipendenza dall’Inghilterra, così la colonia Italia e le altre colonie europee devo chiedere l’indipendenza da potenze straniere che hanno basi militari in Italia e/o in Europa.

      Gli USA ebbero la loro dichiarazione di indipendenza.

      I paesi di Europa devono ancora scrivere la loro “dichiarazione di indipendenza”:

      http://it.wikipedia.org/wiki/Dichiarazione_di_indipendenza_degli_Stati_Uniti_d%27America

      8 minuti fa · Mi piace ·
    • mauro criminna – in realtà l’economia è modellizzata da matematica applicata…quindi si, ci sono tante variabili ma sono scientificamente definite e controllate. Tale formula inoltre è talmente semplice che nulla di più vero c’è…è un fondamento della teoria economia sia keynesiana, che liberale…quindi un assunto di base che tutti riconoscono perchè incontrovertibile e inconfutabile. Quella che tu dici essere relativo, non è il funzionamento di tali grandezze, modellizzate e rese strumenti…quanto l’incapacità politica, o la malizia politica per utilizzarli per fini particolaristici e specifici.

      6 minuti fa · Mi piace
Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Warren Mosler mostra l’equazione dei bilanci settoriali [studio dei flussi economici e finanziari]

  1. Paolo Tumolo ha detto:

    Si può cancellare questa pagina? Visto che si trattava di un gruppo chiuso non visibile a tutti, e nemmeno più attivo?

    • Lino ha detto:

      Lascerò solo la parte scientifica e toglierò tutti i riferimenti alle persone. La scienza non è un fatto privato .. mai. Grazie del dialogo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...