“COME applicare la MMT?”

grosse koalition

grosse koalition

da facebook: http://www.facebook.com/groups/ipgcadmin/373192026032931/?notif_t=group_activity

Silvia Giannalia prima di abbandonare il gruppo, vorrei dire a tutti una cosa : vi siete chiesti “COME applicare la MMT?” ! Credete che un altro summit sia rivoluzionario? state perdendo di vista la realtà: mi dissocio,e invito gli altri a farlo.Ho la tragica sensazione che Barnard consideri i summit un surrogato dell’eros: gli danno una profonda libidine. E questo mi disturba profondamente.
C’è pochissimo tempo, siamo nella merda, altro che fare altri summit!!!
55 minuti fa ·


Daniele Santolamazza ok silvia, allora arrivederci a quando avrai preparato il capannone di armi e munizioni con cui farci la rivoluzione.
Buon proseguimento

49 minuti fa · Mi piace · 1
  • Alessio Tartaricome i think tank dobbiamo entrare nelle istituzioni con le nostre idee, direttamente o “corrompendo” i rappresentanti

    34 minuti fa · Mi piace
  • Lino Cibernetico Tufano Silvia Giannalia .. non è ritirandoci nel nostro privato .. oppure dissociandoci da chi tiene una lampada accesa .. che cambieremo nulla.

    Serve cambiare, ma cambiare per creare un miglioramento .. e come migliorare una situazione se non sappiamo neanche aggrapparci a una scialuppa? .. mentre la nave della concordia affonda?

    La nostra scialuppa è la MMT!

    Dobbiamo farcene una ragione: la situazione della Grecia è la situazione di tutte le persone a prescindere dalla nazionalità sia in USA che nel sud del mondo che in Europa ..

    “Il più grande crimine” non è un film -magari lo fosse!- ma la dura realtà che prescinde da un piano di una nazione contro un’altra, ma che si basa su chi tira i fili a chi è oggi alla responsabilità di organizzare -solo sul piano teorico- il benessere di ogni società sul pianeta.

    Il piano teorico -noi lo sappiamo (se abbiamo studiato la MMT)- è diverso dalla realtà.

    E’ nella leadership del pianeta un fondale finto in cui ci si dice che ci saranno sacrifici per il benessere di tutti, ma sono solo sacrifici umani immolati alla utopia che togliendo i soldi ai pensionati e ricapitalizzando le banche -> i poveri non saranno più tali, mentre la dura realtà è che stiamo tutti per essere precipitati in mano a degli strozzini con 16 mila miliardi di dollari che tengono nelle loro tasche (per ora) perché devono comprarsi il patrimonio svenduto dagli stati ridotti da loro stessi sul lastrico.

    Se è vero che c’è una logica in ogni follia .. io vedo un disegno di volere ridurre la popolazione mondiale grazie alla povertà e tutelare i più forti, i più uguali di Orwell..

    Cosa si può fare?

    Necessita unire “tutti coloro che ci stanno” a una sommatoria di forze sia nuove che quelle storiche a prescindere da chi le dirige su una proposta a cui assentire, semplice, chiara, da accogliere o da respingere e costruire una opposizione democratica VERA capace di riprendere in mano la situazione e cancellare la truffa attuata sia per responsabilità di accondiscendenza ma ignave che cognite del crimine che è in atto.

    In tutto il mondo tale sommatoria di forze che contesta il mondo della finanza predatoria è detto WE ARE THE 99%.

    Ma non è un ex novo, bensì una sommatoria, un fattore SIGMA, che esiste se assomma la altezza intellettuale di capire che la violenza non si combatte con la violenza ma con la max forza che è la intelligenza .. la intelligenza di avere una proposta chiara, comprensibile, condivisibile a chi non predichi il “MORS TUA VITA MEA”.

    Quindi andremo anche in Grecia.

    Quindi ci possono ridurre anche in catene ma la nostra libertà intellettuale non dipenderà da catene materiali ma dalle tremende catene dell’intelletto se non sapremo leggere nella mente di coloro che hanno concepito l’orrore che i nostri occhi vedono provando dolore.

    Solo la verità ci potrà fare liberi, mentre la violenza ci uccide sia che sia contro di noi e sia che sia contro i carnefici.

    I carnefici dovranno essere processati come a Norimberga per i loro crimini contro il genere umano e tutte le specie viventi.

    Ciò che Hitler concepì contro i più indifesi che fossero -allora- Ebrei, Zingari, e le razze considerate inferiori dovrà essere assodato se non sia stato progettato -oggi- contro i poveri: lo sterminio.

    E la condanna sarà fare vivere i carnefici privandoli della libertà imponendogli non la povertà, ma di dovere accudire i malati e i disabili, oppure starsene in cella a meditare che solo la verità per loro e per tutti ci avrebbe potuto dare gioia perché è la verità che ci può fare liberi.

    I giornalisti dovrebbero dire la verità, almeno quella che è a loro nota.

    Io considero Paolo Barnard un eroe per il suo amore alla verità e la convinzione che è la verità la chiave di volta per creare una speranza perché ci sia un futuro possibile e degno tanto da darci il sorriso.

    Il potere della violenza non ci piegherà, perché nessuno ha abbastanza denaro per comprare chi ama la verità.

    Né i soldi di Mario Monti per la NO TAV, né altri 30 denari per vendere gli innocenti come è noto di Giuda Iscariota.

    More info:
    http://www.senzasoste.it/le-nostre-traduzioni/stati-uniti-una-truffa-da-16mila-miliardi-di-dollari


    www.senzasoste.it

    Atilio A. Boron ALAI AMLATINA L’attenzione dell’opinione pubblica internazionale…Visualizza altro
Questa voce è stata pubblicata in Massmediologia. Contrassegna il permalink.

2 risposte a “COME applicare la MMT?”

  1. Raul Agliardi ha detto:

    Io sono d’accordo con Silvia per quanto riguarda l’applicazione della MMT: come fare?

    Ho saputo dell’esistenza del meeting a Rimini solo in questi giorni, pensate un po’! Io sapevo che Barnard aveva chiuso il suo sito e per diversi mesi, a corrente alternata, ero in trasferta per lavoro (uno dei soliti precari, che non è facile da mandar giù con una laurea in ingegneria, inglese fluente e tedesco), perciò non sarei riuscito comunque ad esserci.

    Nel 2010 mi feci proprio questa domanda, ma per arrivare ad una risposta mi volli documentare e ho letto il libro scritto da Randall Wray intitolato proprio “Modern Money Theory” oltre a diversi saggi ad esempio sul fatto che legare la propria moneta ad un’altra tipo il dollaro sia un gravissimo errore (vedi default Argentina). Ho studiato il funzionamento del sistema Banca centrale-Stato così come lo spiega Wray per il sistema USA: Fed-Tesoro-Stato.
    Nella parte finale del libro esiste proprio come deve essere attuata la politica della piena occupazione: il fulcro centrale di questa politica non è controllare i prezzi per controllare l’inflazione, ma è controllare il prezzo minimo del lavoro per controllare l’inflazione garantendo la piena occupazione.

    PIENA OCCUPAZIONE
    Quando si parla di piena occupazione Wray intende tutti quelli che sono disposti ad accettare un salario minimo che deve garantire la possibilità di vivere, poniamo ad esempio 6.25$ l’ora o 12500-13000$ l’anno. (Wray dà una cifra ipotetica per fare dei calcoli poi; la paga oraria, inizialmente, va decisa in base ad alcuni parametri che cita nel libro).

    Lo Stato decide quale è il salario minimo che qualunque persona “able and willing to work” (come dice Wray) deve avere e lo Stato stesso è disposto ad assumere qualunque persona che accetti quella paga. I lavori disponibili sono gestiti dallo stato (credo sia un po’ simile ai nostri vecchi uffici di collocamento come gestione dell’assegnazione del lavoro).

    “L’ufficio di collocamento” ovviamente, deve gestire l’assegnazione del lavoro non alla nazista come in Schindler’s List, ma regolandosi sulle capacità della persona, sul titolo di studio ecc.

    Questo programma si chiama ELRP “Employer of Last Resort Program”. L’ ELR “Employer of Last Resort” è proprio colui che accettando il lavoro “dell’ufficio di collocamento” accetta la minima paga base di 12500$ l’anno e lavora nell’ELRP. La paga di 6.25$/h o 12500-13000$ l’anno è definita come ELRW dove W sta per Wage.

    Fissando la paga minima, qualunque lavoratore del settore privato è portato ad alzare la sua paga base se e solo se si avvicina a quella minima. Già uno che prende 17.500-19000$/y difficilmente rischierà di chiedere aumenti alla contropartita di andarsene dall’azienda (come si dice nel libro). Qui ci sono minimi problemi di probabile aumento dei prezzi, ma assolutamente non importanti (nel libro c’è tutto spiegato).

    Ora attenzione! Lo scopo di questo programma non è fare concorrenza al settore privato, anzi tutt’altro, semmai è quello di creare un buffer, “buffer stock” (come dice Wray), che aumenta e diminuisce a seconda rispettivamente dei periodi di contrazione o di espansione economica.

    Periodo di contrazione (crisi economica):
    [BIG BUFFER STOCK ]——————> [firms are closing: reduced number of employers in private sector]

    Periodo di espansione economica:
    [SMALL BUFFER STOCK]——————–>[production goes up]

    Attuando questa politica io non devo dare soldi a nessun programma di cassa integrazione (che in USA non esiste) o disoccupazione.

    Questo programma garantisce lavoro solo per quelli che lo vogliono, restano esclusi quelli che giustamente trovano di meglio o che sono invalidi, o che semplicemente non vogliono i lavori che gli verrebbero assegnati.

    L’unica spesa pubblica ulteriore se l’ELRP venisse attuato sarebbe quella destinata a coloro che proprio non possono lavorare per gravi invalidità e non possono proprio essere ricollocati.
    —-FINE—-

    Non tratto l’argomento della gestione banche-stato a moneta sovrana che credo abbiate capito se avete seguito il meeting.

    POST 1/2 fine

  2. Raul Agliardi ha detto:

    POST 2/2
    ho raccontato la PIENA OCCUPAZIONE alla Wray, in modo molto succinto. Ora per attuare quello che tutti chiamano MMT ovvero la sovranità monetaria degli stati, garantendo una spesa pubblica fatta per progredire, bisogna partire da noi Italia, o da un paese UE qualsiasi, o dalla Grecia.

    Ad esempio bisogna chiedersi: se io fossi Syriza e comandassi il parlamento greco, cosa devo fare per attuare la MMT?

    1) Beh innanzi tutto mi devo liberare dell’euro, che non è una moneta sovrana e ritornare a stampare la mia moneta. Passo che questo passo comporti non pochi problemi solo dal punto di vista della logistica e degli scambi monetari tra i cittadini. Ma che forse è utile attuare ora a Maggio, visto che poi avrò il boom di turisti a giugno, luglio e agosto, così da poter intascare un sacco di soldi dall’industria numero 1 in Grecia.

    2) Ho individuato l’industria su cui puntare nell’immediato: il turismo. Da qui a giugno devo fare un piano efficace contenendo il più possibile gli scontri dei malcontenti (ordine pubblico). Puntando sull’occupazione nel settore turistico, magari con un ELRP appropriato, riesco ad attirare i capitali liquidi immediati che i cittadini greci potranno usare, per compensare l’aumento dei prezzi delle materie prime da importare.

    3) La dracma all’inizio subirà fortemente l’uscita dall’euro, perciò devo fare in modo che finanziariamente stia il più lontano possibile dalle speculazioni monetarie, per evitare il collasso finanziario del sistema economico greco nascente. L’ideale sarebbe quello di stilare un patto che differenzia le banche d’affari, da quelle di deposito, quello che Clinton ha rotto in USA. In modo che quelle di deposito si occupino di riassettare l’economia reale, mentre quelle d’affari speculino pure con il mercato.

    3a) Un po’ come quando in casa realizzo due reti di PC: una personale dove collego solo i PC privati e una dove collego i PC collegati ad Internet e dunque esposti ai rischi virus ecc.

    4)Ridare subito fiducia ai cittadini è fondamentale per ripartire: essi sono i veri pistoni che fanno muovere il motore economico di uno stato; per questo è fondamentale individuare oltre al settore che ci può (noi “greci”) mettere uno scudo iniziale, anche i settori di sviluppo successivi: agricoltura, materie prime, tecnologia.

    5)Garantire una iniziale sussistenza per poi aprirsi al mercato globale è fondamentale. I prezzi delle importazioni potrebbero schizzare alle stelle agli inizi, alcuni potrebbero rifiutarsi di commerciare con noi, ma i nemici esistono sempre e vanno combattuti.

    L’importante è creare coesione e consenso tra i cittadini, se manca quella e un piano che dica realmente cosa fare, possiamo stare qui a discutere fino a domani e a dire mi piace su facebook (mi metto dentro pure io), ma la realtà sarà sempre una: la partita a scacchi va giocata poi potrò dire ho vinto o ho perso e ricomincio.
    —–FINE——-
    Grazie per l’attenzione e scusate l’eccessiva lunghezza delle risposte.

    Raul

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...